webmaster

Direzione artistica

icollegia_rita_nardomarinoRita NARDOMARINO: pianista, medaglia d'oro al “Città di Osimo”, è docente ideatrice di progetti culturali di particolare rilievo, per la valorizzazione dell’ambiente storico medievale e delle tradizioni locali. Con il progetto “I Talenti della creatività”, è vincitrice del Premio Nazionale “Abbiati” 2002 per la Didattica Musicale, assegnato dall’Associazione Nazionale Critici Musicali Italiani e dalla S.I.E.M., società italiana per l’educazione musicale (Fiesole).

Più volte consulente musicale della sacra rappresentazione "Passione vivente", a Conversano, relatrice in corsi di aggiornamento, è docente preparatrice dell'ensemble "La Giovane Compagnia del Conte", un gruppo di giovanissimi esecutori di musica medievale, vincitore del "Premio Stampa"al XV Concorso nazionale "Giovani promesse" (Taranto) e di numerosi 1° premio in Concorsi Nazionali e Internazionale musicali.
Ha ricevuto riconoscimenti di merito dalle Associazioni Musicali Nazionali "Premio Ghironda" e "Spazi Sonori", per la creatività e l'originalità degli allestimenti proposti. Ha seguito corsi di direzione corale con i Maestri: Susca, Bordignon, Berrini e Bressan, di clavicembalo con il M.° R. Klarer, di sociologia e psicologia dell’età evolutiva presso l’Università di Salerno, di composizione con il M° C. Buccarella.
Già direttrice della Polifonica "Piantoni" dal 1985, attualmente direttrice artistica dell'Associazione Culturale “I Collegia”, Rita Nardomarino è responsabile della concertazione de "I Collegia Musica", formazione corale esperta di prassi esecutiva medievale e rinascimentale, più volte premiata in competizioni corali nazionali e internazionali. Trascrittrice, suonatrice di ghironda, salterio, arpa da braccio e percussioni, all’interno del gruppo di musica antica "Aulos Ensemble", è anche ideatrice di percorsi sperimentali e autrice di testi scenici in ”Sacra et profana Representatio”, "Il Saggio e il Folle Amante", “Storia dell’Eletta”, “Racconto de la Natività”, “Missa sine tempore” e “Allure, serie et jocose stravaganze di nobili, poveri amanti”.
Nel maggio 2002 è risultata vincitrice del 2° Premio di Composizione al XII Concorso Internazionale “Città di Barletta”con la fiaba in musica “Il dono della vera nobiltà” ed ha relazionato, in qualità di esperta, sulla vocalità e la prassi esecutiva antica, al Convegno Internazionale di Oriolo. Già componente della giuria del Concorso Pianistico Nazionale "Amadeus" (Taranto), nel 2005 è nella commissione giudicatrice del concorso europeo “De musica antiqua” di Oriolo, promosso nell’ambito del P.I.S. “Percorsi federiciani”, e collabora con il M.°Giorgio Reda, direttore del Conservatorio di Cosenza, il M.° Michael Sanderson, la prof.ssa Claudia Celi, responsabile del dipartimento di danze storiche presso l’Accademia Nazionale di Danza di Roma, il M.° Gordon Murray, pregevole clavicembalista.
Nell’Aprile 2006, ha relazionato sulle influenze della grecitànel medievale, durante il Convegno “Alle origini dei saperi”, tra Italia e Francia, sulla nascita delle Università.
Nel Dicembre 2007, ha curaro l’allestimento teatrale dell’inedita operetta semibuffa conversanese “Il Maestro del villaggio” di A. A. Quaranta, su libretto di Domenico Morea, Antonio Vavalle e Sante Simone, in qualità di responsabile di scena, concertatrice e accompagnatrice al pianoforte, su incarico della Biblioteca Archivio Vescovile Diocesano, Conversano-Monopoli, con un ampio organico scolastico e “I Collegia Musica”.
Dal Settembre 2007 è anche direttrice del Coro dell’Università della Terza Età ”Lia Damato” di Rutigliano, vincitore, nell’Aprile 2008, del 1° premio nell’VIII Rassegna Regionale dei Cori delle Università della Terza Età di Puglia.
Nel Maggio 2008 ha istituito nella Scuola Secondaria Statale di 1° Grado “A. Manzoni” i gruppi: ”Cavalieri sbandieratori” e “Danceries dei grifoni”, coinvolgendo la popolazione scolastica in attività laboratoriali funzionali all’allestimento rievocativo del “Corteo storico di San Nicola” (Rutigliano) e concertando la collaborazione con le realtà territoriali.